Gio. Ago 5th, 2021

Si svolgerà sabato sera 24 luglio a Castel del Monte la cerimonia di premiazione dei vincitori dell’VIII Premio Internazionale Federico II e i Poeti tra le stelle, concorso artistico-letterario organizzato dalla Società Astronomica Pugliese e dedicato, unico del suo genere nel mondo, al cosmo, all’astronomia, agli oggetti e ai fenomeni celesti. L’ottava edizione ha visto la partecipazione di 109 autori e di 183 opere in concorso suddivise in poesie, racconti, pitture e fotografie.

Poeta tra le stelle 2021 sarà incoronata Susanna De Mattia di Gioia del Colle (Ba) per la sua opera poetica “Il giorno”, ispirata a Federico II e al suo amore per il cosmo e la natura.

Raffaella Gremigni di Pisa si aggiudica il Premio Internazionale De Arte Narrandi per la sua opera narrativa “Il cielo oltre gli occhi”. Il racconto narra la toccante esperienza di Emma, una bimba non vedente, alla scoperta dei pianeti del sistema solare capaci di emettere dei suoni.

Per le opere artistiche vince il Premio Nazionale Stupor Mundi, per la categoria delle opere pittoriche, Luisa Valenzano di Casamassima (Ba) con il suo originale “Scudo delle stelle” anch’esso ispirato a Federico II e al suo affidarsi alla protezione astrologica del cielo stellato. La Giuria artistica, invece, ha premiato Antonella de Lucia per il suo “L’acchiappastelle”. Quando si perde ogni punto di riferimento non ci rimane null’altro se non catturare, con gli occhi e con il cuore, la persistente, effimera, scintillante bellezza delle stelle.

Per la categoria delle opere fotografiche si aggiudica il Premio Nazionale Stupor Mundi, Claudio Balella di Ravenna. Astrofotopoeta affermato, Claudio Balella si aggiudica il premio per la sua romantica e affascinante “Aurora che esce dal camino” ripresa in Norvegia durante una delle sue tante spedizioni nel mondo a caccia di fenomeni astronomici.

La Giuria artistica assegna il suo premio speciale ad Angelo Avveniente di Trani (Bt) per il suo occasionale scatto “Le prime luci del buio” che immortala la quiete di un porto (quello della sua città), e il quarto di Luna al tramonto.

Il Premio Nazionale Puer Apuliae riservato agli studenti viene assegnato a “La notte barese”, opera pittorica ispirata a Van Gogh e alla sua “Notte Stellata” realizzata da Asia Manelli di Triggiano (Ba).

Dedicato al grande e famoso astrofisico italiano il Premio Speciale “Nanni Bignami”, assegnato all’opera pittorica “Guarda che Luna” realizzata da Angela Liliana Lerede di Bari.

Tutti i vincitori riceveranno in premio l’opera dell’artista barese Valeria Pinto dal titolo “Tra le stelle” realizzata in esclusiva per la cerimonia. I vincitori saranno premiati da Franco Malerba a Castel del Monte, grazie alla concessione della Direzione Regionale Musei Puglia e della Direzione di Castel del Monte. Il Premio, inoltre, ha ricevuto il Patrocinio dell’Agenzia Spaziale Europea, dell’Agenzia Spaziale Italiana, dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, della Sezione di Bari dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, dell’Unione Astrofili Italiani, dei comuni di Conversano (ove ha sede la Società Astronomica Pugliese) e di Cassano delle Murge (ove ha sede l’Osservatorio Astronomico della Murgia-Solinio). Presente alla cerimonia Gianluca Masi, presidente della Giuria e astrofisico del Virtual Telescope.

Interverrà alla cerimonia Bianca Tragni, nota studiosa del mondo federiciano, per porgere il benvenuto agli ospiti illustrando la figura dell’imperatore svevo nella sua cornice più rappresentativa.

La cerimonia sarà condotta da Maria Liuzzi, volto noto del giornalismo pugliese e del Tg Norba24.

FRANCO MALERBA, con la sua conferenza aprirà PugliaScienza 2021, festival scientifico organizzato dalla Società Astronomica Pugliese in collaborazione con i Poli Biblio-Museali della Puglia.

FRANCO MALERBA è il primo astronauta italiano: ha volato nello spazio con lo shuttle Atlantis il 31 Luglio 1992, portando nello spazio il laboratorio Eureca ed il “satellite a filo” italiano, detto il Tethered.

È uno dei pochi umani che hanno visto la Terra come… un mappamondo: ha trascorso otto giorni nel cosmo compiendo 126 orbite attorno al nostro pianeta portando la tecnologia italiana al battesimo dello spazio.

Oggi Franco Malerba è ancora un attore del mondo spaziale.

Propone con immagini dallo spazio la scoperta delle bellezze e delle fragilità del nostro pianeta.

Contribuisce alla diffusione della cultura scientifica con l’organizzazione annuale del Festival dello Spazio di Busalla

Franco Malerba è giornalista pubblicista dal 2001. Collaboratore de La Stampa-Tuttoscienze, del Secolo XIX e del Corriere Innovazione; è autore di due libri:

La Vetta/The Summit, ove racconta in chiave personale le complessità e l’emozione di conquistare una vetta oltre la Terra

Professione Astronauta, un testo autobiografico sotto forma di intervista ove rivela i “dietro le quinte” della sua straordinaria rincorsa per ottenere l’imbarco sulla missione spaziale.