054. Andromeda – Renzo Piccoli, Bologna

Al culmine della sobrietà

resta un bacio meticoloso

sagace presenza o relatività infranta

bianchezza pulviscolare

come le partenze che dipanano

lenticolari obsolescenze

raggiri di mondi

oltre il futuro

particelle astratte

autoionizzantesi

nei tentativi impervi

di facilitare la nevrosi

sui dalmati arcobaleni