087. Equinozio – Alessandro Robles, Bitonto (Ba)

Bentornato equinozio
che dal ventre mi chiamasti
e segni ancora il passo bizzarro
come il volo di una foglia al vento.
La parola è un inganno del tempo
sospesa all’ora dell’ultimo atto
quando libera strali di sogni