060. Giacch’io non po’ più contar le stelle – Ivo Ragazzini, Forlì

Giacch’io non po’ più contar le stelle

Dacch’è son tante e più di mille

è meglio allor notar sol le più brille

che lascian sullo sguardo assai faville

Volesse Iddio un giorno dimandare

di cosa meglio a noi e a me potere

Io sceglierei il ciel de voler volare

e il resto lascierei chi voglia fare

Io chiedo solo a lui di poter salire

e l’alme basse in terra giù lasciare

che ori e vili arnesi non mi colga

ma sol salire a lui col sol che sorga

Giacch’io non po’ più contar le stelle

Dacch’è son troppe, grandi e belle

ti prego Signor grande e creator mio

fa un modo che in tal ciel arrivi anch’io