108. Il buco nero – Joanna Kalinowska, Taranto

il tuo corpo di cristallo

con i sottili filamenti delle vene

stanco di dolore della respirazione

vuole immergersi nella notte

in nero assoluto

dove non ruotano le spirali delle galassie

libero dalla maledizione della resurrezione

fare sonno senza sogni

infinito e inesistente