071. Notturna – Giorgia Calcari, Roma

Luna

amorevole goccia di sabbia

nel mio petto di latte

ti sento.

Affondi la luce

mi muovi.

Scrivo questo canto.

L’universo ventriloquo

inscena l’amore

ancora suo unico tema.

Tu

burattinaia

instilli l’assoluto.

Sai,

vegli e parli

immanente

scrigno di misteri,

ulivo di verità.

Canta questa notte

tra lenzuola d’astri

perché il tuo cuore di donna

ancora rischiari.